Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020 rinviate al 2021: le nuove date

Alla fine ha prevalso il buon senso. E così il governo giapponese, d’accordo con il CIO, ha deciso di rimandare all’estate del 2021 le Olimpiadi (23 luglio-8 agosto) e le Paralimpiadi di Tokyo 2020 (24 agosto-5 settembre). “I Giochi sono rinviati al 2021, non oltre l’estate, per salvaguardare la salute degli atleti e di tutti i partecipanti. Manterranno il nome di Giochi olimpici e paralimpici Tokyo 2020. La fiamma olimpica rimarrà in Giappone”, ha comunicato il Comitato olimpico internazionale.

“La diffusione senza precedenti e imprevedibile dell’epidemia da coronavirus ha visto il deteriorarsi della situazione nel resto del mondo. Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che la pandemia di COVID-19 sta accelerando”.

Franco Cattaneo.

Sulla decisione del CIO si è espresso il direttore tecnico della Nazionale italiana di canottaggio, Franco Cattaneo: ” Alla luce della situazione sanitaria che sta attraversando l’intero pianeta ritengo che, seppur sofferta, la decisione adottata ieri dal CIO, unitamente al Governo giapponese, sia stata la più adeguata e l’unica che poteva essere presa, perché suggerita anche dal buon senso”, spiega. “Continuare ad avere gli atleti in preparazione a casa propria, con l’appuntamento Olimpico a soli quattro mesi, era diventata una situazione che non poteva durare a lungo”. E a aggiunge: “Devo prendere atto, in ogni modo, di aver visto tutta la squadra olimpica e paralimpica continuare a prepararsi al meglio, anche se ognuno rigorosamente all’interno e con le proprie difficoltà casalinghe. Una preparazione che continua a essere sviluppata con grande attenzione e abnegazione e di questo sono estremamente compiaciuto poiché ho avuto conferma, ma non avevo dubbi al riguardo, di avere in squadra ragazze e ragazzi straordinari”, conclude Cattaneo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*