L’ANAC alla D’Inverno sul Po

MILANO, 07 febbraio 2020 – A Torino l’Anac c’è. Oggi e domani, in occasione della 37esima edizione della “D’inverno sul Po”, l’Associazione Nazionale Allenatori di Canottaggio sbarca lungo le rive del Po con un gazebo, posto accanto allo stand di abbigliamento sportivo della Di-Bi. Dopo la prima uscita, alla Navicelli Rowing di Pisa, lo scorso 25 e 26 gennaio, l’Anac torna, quindi, in campo tra società, tecnici e atleti, laddove il canottaggio si fa. “Noi vogliamo essere il punto di riferimento e di incontro di tutti gli allenatori, compresi quelli che non stanno sui campi di gara – spiega Daniele Barone, presidente dell’Anac – Grazie a Di-Bi, abbiamo a disposizione un gazebo adiacente al loro punto vendita, dove potersi iscrivere all’Associazione e consegnare documenti propositivi da porre all’attenzione dell’Anac. Sono convinto che tutti noi, se stiamo uniti e compatti, potremo farci ascoltare meglio dalla Federazione”.

Lo dimostra l’incontro proficuo che l’Anac ha avuto a Pisa con il presidente della Federcanottaggio, Giuseppe Abbagnale. “Inoltre, io e il Consiglio dell’Anac siamo costantemente a lavoro per cercare un dialogo costruttivo con il sistema informatico federale. Naturalmente, non è facile fare tutto in breve tempo, ma arriveremo a centrare gli obiettivi che ci siamo preposti”. “Per riuscirci, l’Anac ha anche ha bisogno che gli allenatori tornino a tesserarsi – aggiunge Barone – Chi, in passato, non ha versato le le quote, non dovrà preoccuparsi: per riassociarsi, basterà pagare solo la quota del 2020. L’altra novità che riguarda gli associati sono le convenzioni che abbiamo stipulato con diverse autoscuole per il conseguimento della patente necessaria a condurre i carrelli, oltre a una convenzione per la polizza assicurativa degli allenatori”.

Nel percorso intrapreso dall’Anac sotto la presidenza Barone, c’è anche un importante piano di rilancio della comunicazione, attraverso un nuovo sito che sarà presto on line e che sostituirà il portale esistente. Fondamentale è anche la presenza di “Anacrowing” sui social network, Instagram e Facebook, dove l’associazione tiene aggiornato il pubblico su iniziative, curiosità e molto altro. “Il mio ultimo – ma per questo non meno importante – pensiero va all’azzurro Filippo Mondelli, che sta combattendo una dura battaglia contro la malattia che lo ha colpito. Caro Filippo, l’Anac fa il tifo per te e correrà al tuo fianco, lungo tutto il percorso che farai”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*